Villa Crespi ed Antonino Cannavacciuolo esistono per davvero

Villa Crespi ed Antonino Cannavacciuolo esistono per davvero

È un gesto d’amore quello che, due mesi fa, abbiamo deciso di regalarci per una occasione speciale. Villa Crespi, una dimora dall’architettura moresca arabeggiante costruita nel 1879. Abbiamo trascorso un giorno e una notte a casa dello Chef Antonino Cannavacciuolo e di sua moglie Cinzia.

Orta San Giulio.

Volevamo toccare con mano questo sogno, e lo abbiamo fatto. Esiste per davvero.
La nostra camera, Yasmin, al terzo piano.

Tappezzata di seta color rosa antico, ampio letto matrimoniale, pavimento in parquet, bagno in marmo con vasca idromassaggio e punto luce per un totale di 24 metri quadrati.


La camera è l’unico ambiente della Villa dotata di un balcone arabeggiante arredato con tavolino e poltroncine con vista parziale del lago.

Il pacchetto ‘Viaggio dal Sud al Nord Italia’ era perfetto per noi. Volevamo scoprire il percorso culinario dello chef Cannavacciuolo grazie a quelle portate che attraversano il ricordo delle sue esperienze di vita, il suo viaggio dal sud al nord Italia appunto.

Scelti e pensati da Cinzia e Antonino, i pacchetti permettono di usufruire di diverse combinazioni di soggiorno e servizi particolari. Certo, a Villa Crespi è possibile anche solo pernottare. I prezzi partono da 365 euro a notte* e variano a seconda del periodo e delle camere e suites disponibili (*dati sul sito). Ma saltare questa esperienza unica nel ristorante due stelle Michelin significa privarsi, un giorno, di ricordi indelebili.

Nel nostro soggiorno – oltre al pernottamento di una notte nella camera che vi abbiamo già mostrato con biglietto di benvenuto, frutta fresca e biscotti – la colazione gourmet presso il lounge bar, la cena con menu degustazione compresa di degustazione vini, il drink di benvenuto all’arrivo servito al lounge bar e i biglietti della barca per visitare l’isola di San Giulio.

E non vi abbiamo ancora parlato della cena.

Author

Staff

Staff

Valeria Scotti, giornalista, copy, blogger. Davide Cavarretta, full stack developer, DevOps engineer. Ci occupiamo di contenuti digitali. Nel tempo libero, scriviamo liste della spesa.

Related