Il Parmigiano Reggiano di montagna sta bene su tutto

Il Parmigiano Reggiano di montagna sta bene su tutto

Il Parmigiano Reggiano di montagna è un prodotto dalle caratteristiche inconfondibili.

I numeri parlano chiaro: nel 2018 il 21,6% della produzione totale della DOP è avvenuta nei 93 caseifici di Montagna sparsi nelle province di Parma, Reggio Emilia, Modena e Bologna.

Ma assaporiamo con calma.

Il Parmigiano Reggiano è il più importante prodotto Dop ottenuto in montagna, con oltre 1.100 allevatori che ogni anno producono 4 milioni di quintali di latte. Un’attività preziosa dal punto di vista sociale per mantenere attiva la dorsale appenninica tra Bologna e Parma grazie al lavoro nelle foraggere e in caseificio.

Proprio per dare maggiore sostenibilità allo sviluppo della montagna e offrire ai consumatori garanzie aggiuntive legate, oltre all’origine, anche alla qualità del formaggio, il Consorzio del Parmigiano Reggiano ha definito il “Prodotto di Montagna – Progetto Qualità Consorzio”.

Tutto ruota intorno al suo sapore deciso, a un equilibrio perfetto tra acido, salato, dolce, amaro e umami, e al colore giallo paglierino dovuto ai fieni, ai prati e alle essenze presenti in montagna, da odori e aromi di frutta fresca, spezie e brodo di carne.

Per promuovere questa eccellenza italiana, il Consorzio Parmigiano Reggiano ci ha invitato a un pranzo esclusivo in occasione della presentazione della 53esima edizione della Fiera Del Parmigiano Reggiano di Casina in programma dal 2 al 5 agosto e organizzata dal Comune di Casina, Consorzio del Parmigiano Reggiano, Credito Cooperativo Reggiano con il supporto istituzionale dell’Unione montana dei Comuni dell’Appennino Reggiano.

Quattro giorni di eventi, spettacoli e iniziative per adulti e bambini insieme a 33 caseifici di Montagna con i loro “gioielli” 24 e 30 mesi. Una festa per tutto il territorio di Casina, tant’è che i ristoratori della zona hanno accolto con gioia l’iniziativa de “A tavola con il Parmigiano Reggiano”. Durante i giorni della Fiera sarà possibile gustare una serie di piatti speciali – dagli antipasti ai tortelli, dalla pizza a piatti di carne, finendo con il gelato – per esaltare le doti del Parmigiano Reggiano.
A ottobre poi, come ha spiegato Maurizio Cineroli, vicesindaco di Casina, la Fiera continuerà con uno stand al World Cheese Awards di Bergamo, il più grande concorso al mondo di formaggi.

Il pranzo, dicevamo, presso l’Emporio Armani Caffè e Ristorante nella Galleria Cavour di Bologna.

Comodamente seduti, in ottima compagnia e con un menù incredibile.
Degustazione di Parmigiano Reggiano di montagna 3 stagionature; Riso Armani, mantecato con Parmigiano Reggiano di montagna, zafferano e pistilli di zafferano; Carpacco di manzo affumicato, scaglie di Parmigiamo Reggiano e pinzimonio di verdure; Crema di nocciole, nocciole sabbiate e cialde di Parmigiano Reggiano di montagna; Macarons di zafferan e Parmigiano Reggiano di montagna.

Il programma della 53° Fiera del Parmigiano Reggiano di Casina

Venerdì 2 agosto
Stand gastronomici dalle 19, il mercatino del riuso in via Caduti della Libertà e musica d’ascolto con Maurizio Leonardi. Alle 20, il premio Lady and Gentleman Parmigiano Reggiano e, in contemporanea, il 1° Palio con giuria popolare.

Sabato 3 agosto
Apertura degli stand gastronomici dalle ore 8 in via Roma, tra cui quello del Parmigiano Reggiano. Mercato ambulante in Via Caduti per la Libertà e, alle 10, inaugurazione della Fiera. A seguire, il raduno di Camion (zona Peep) e, alle 16, di Quad e Atv a ingresso paese. Quindi le degustazioni gratuite a cura di Apr (alle 11, alle 17 e alle 18) e con la Compagnia della Spergola (a pagamento) e musica dal vivo la sera con Francesco Ottani.

Domenica 4 agosto
Dalle ore 8 alle 16 la storica cottura della forma di formaggio in piazza IV Novembre. Alle 18 esibizione danzante con Francesca Ghirelli in collaborazione con Obiettivo Danza e show della compagnia “Terapia di Gruppo” di Annalisa Margini.

Lunedì 5 agosto
Giornata interamente dedicata al Parmigiano Reggiano. Alle 21 l’ottavo Palio del Parmigiano Reggiano in piazza IV novembre, a seguire la quarta edizione della Gara di taglio della forma –  i mastri casari si sfidano nel tagliare in più porzioni una forma, sino a spaccare, al grammo, la singola punta – e la proclamazione del vincitore del primo Palio della giuria Popolare. Infine, sfilata di moda in zona Peep alle 22 e, un’ora dopo, spettacolo pirotecnico.

Author

Valeria Scotti

Valeria Scotti

Giornalista, dal 2006 ho collaborato con i principali network di informazione in Italia. Mi occupo inoltre di revisione di testi ed organizzazione di eventi. Negli ultimi anni ho approfondito la comunicazione legata al settore Food.

Related